La Pelle (Cute) è un Organo Funzionale: Curiamola!

Una pelle giovane é prima di tutto una pelle sana. A cosa servono i trattamenti e una alimentazione corretta? Ce lo dice Maria Cristina Ferri, biologa nutrizionista.

Fra i mammiferi, l’Homo sapiens ha una pelle considerata un vero e proprio “organo”, esteso per circa 2 m², e protegge i tessuti sottostanti: ossa, muscoli e tessuti interni). In corrispondenza degli orifizi, la cute forma uno strato ininterrotto, grazie alle mucose. E’ ispessita nel maschio rispetto alla femmina, ma comunque capace di grande resistenza e elasticità, che con l’età si riduce.

Essa ricopre il tessuto sottocutaneo o ipoderma: tessuto connettivo e tessuto adiposo in alcune zone del corpo, variamente distribuito. La cute si distingue in epidermide (esterna) e derma (interna). Le due parti sono unite da una sorta di “cemento” fra epidermide e derma, formato da filamenti di una sostanza chiamata cheratina, uno strato viscoso, fondamentale per la stabilità. Nel derma sono inserite le ghiandole sudoripare.

Dicevo che una pelle giovane é prima di tutto una pelle sana. Ma perché viene definita un vero e proprio organo? Su cosa agiscono alimentazione e trattamenti specifici e quali ruoli svolge?

Barriera protettiva: verso eventuali agenti nocivi, é la prima difesa dell’organismo, fornita di cellule specifiche che fanno parte del sistema immunitario.

Percezione e sensibilità, grazie a specifiche terminazioni nervose: pressocettori, per colpi e pressioni; i termocettori, per gli sbalzi di temperatura; gli algocettori che percepiscono sensazioni dolorose e vibrazioni

Evaporazione e temperatura: la pelle é la nostra preziosa regolatrice dell’omeostasi interna (equilibrio fisiologico), avendo in gestione una parte della perdita di liquidi per l’equilibrio interno e la termoregolazione, regolando anche l’escrezione di elettroliti con la sudorazione.

Organo produttivo e di stoccaggio: come riserva di grassi e acqua; inoltre sintetizza alcune sostanze necessarie come per esempio la preziosa vitamina D, fondamentale soprattutto per la salute delle ossa e del sistema immunitario.

Attrattore sessuale: dulcis in fundo, grazie alla specifica pigmentazione ed emanazione di umori.

La pelle ci dice chi siamo ed é il primo linguaggio non verbale del nostro rapporto con gli altri.

Una pelle sana, inizia dall’interno dell’organismo, ma é mantenuta dagli specifici trattamenti esterni, che servono a consolidare, anzi spesso anche a impostare una condizione migliore di tutto il corpo, perché agiscono in profondità (massaggi specifici ecc, insieme a tutto quello che un Centro Altamente Specializzato può proporre).

Perché insisto su questi argomenti? Perché il nostro corpo é il primo capitale che abbiano, ma troppo spesso lo ignoriamo: mens sana in corpore sano dicevano i latini….   non dimentichiamocelo!

Quali sono i principi attivi trovati negli alimenti che favoriscono il mantenimento di una pelle sana?

Più di uno naturalmente, i suggerimenti sono diversi a seconda della persona e della situazione (età, sesso, attività motoria, tipo di lavoro….). Non si può generalizzare, diciamo che comunque rientrano nella categoria soprattutto degli antiossidanti (antiox), che difendono il corpo dall’attacco dei temuti “radicali liberi”, molecole dannose prodotte dallo stress, da situazioni patologiche e dall’invecchiamento.

Abbiamo la vitamina A, antiox che favorisce la respirazione cellulare derivante dal retinolo.; gli Omega3 antinfiammatori; il Selenio come chelante, vale a dire che si lega ai metalli pesanti e antiox (antitumorale), il té verde buon antiox, i frutti di bosco con azione protettiva e calmante, la frutta secca ricca di Rame e Selenio e di Acidi grassi insaturi. Quindi naturalmente tanta frutta e verdura cruda e, all’occorrenza, specie in alcuni periodi dell’anno qualche specifico integratore su consiglio del tuo nutrizionista di fiducia, insieme ai trattamenti di un centro specializzato, a cui rimando ogni approfondimento che non compete la mia specializzazione.

 

Siete pronti a rinascere dalla vostra pelle?

 

M.Cristina Ferri